Nazisti in fuga di Jean Paul Picaper

Condividi:

Articolo aggiornato giorno 23 Maggio 2024

Nazisti in fuga. Che fine hanno fatto i criminali del Terzo Reich? Di Jean Paul Picaper è un libro edito nel 2020 da Newton Compton Editori per la collana I volti della storia. Si compone di 410 pagine ed è disponibile in formato cartaceo oppure ebook.

Nazisti in fuga: la recensione

nazisti in fuga pdf copertina


Nazisti in fuga. Che fine hanno fatti i criminali del Terzo Reich? di Jean Paul Picaper è un libro che cerca di far luce su cosa accadde ai criminali nazisti alla fine della seconda guerra mondiale, con la caduta di Hitler e del Terzo Reich in Germania, ma che racconta anche personalità e fatti legati ai singoli personaggi. L’autore rimarca subito che pochi criminali hanno effettivamente pagato per le loro colpe, in quanto molti sono riusciti a fuggire, magari con la complicità di altri, altri hanno scelto il suicidio. In primo luogo si parla di Adolf Hitler e di come abbia fatto un ometto tanto insignificante a diventare il leader del nazionalsocialismo e a conquistare mezza Europa, ma ci si interroga anche sul perché, alla fine, non abbia deciso di provare a salvarsi, di fatto rinchiudendosi nel bunker della Cancelleria di Berlino con la fidanzata Eva Braun e diversi collaboratori, dove stavano arrivando gli alleati. Tra i suicidi ci saranno proprio Hitler e la Braun, ma anche, sempre nel bunker, i coniugi Goebbels e i loro figli, uccisi con il veleno dalla madre perché non dovessero vivere in un mondo senza Hitler.

Nazisti in fuga. Che fine hanno fatto i criminali del terzo Reich di Jean Paul Picaper ragiona anche sull’ascesa strepitosa di un personaggio come Martin Bormann, segretario di Adolf Hitler, spesso messo in secondo piano dalla storia ma che invece ebbe un ruolo decisivo nelle vicende del Terzo Reich.

A Norimberga giunse tra gli altri anche Hermann Göring, un tempo, prima della disfatta, braccio destro di Hitler, anche lui uno di coloro che non pagarono. Prima che la sentenza venisse eseguita, ingerì una pastiglia di cianuro che era riuscito a conservare, chissà in che modo.

Nazisti in fuga ripercorre la caduta del Terzo Reich, ricostruisce molti dei suicidi o delle fughe misteriose, i sequestri di ex nazisti da parte del servizio segreto israeliano, il Mossad-il caso più famoso fu quello di Eichmann, processato a Gerusalemme-e la collaborazione di ex nazisti con gli alleati, come Wernher von Braun, ex SS, ingegnere sotto la dittatura di Hitler che in seguito sarà colui che avrà un ruolo determinante per l’inizio del progetto spaziale americano.

Il libro ripercorre le vite dei principali criminali del Terzo Reich, anche se nel complicato organigramma creato da Hitler, tra sottoposti e subalterni, sarà probabilmente per sempre impossibile trovare tutti i colpevoli delle atrocità dell’Olocausto e di molti altri crimini perpetrati dal nazionalsocialismo di Hitler.

Giovanni

Condividi:

Lascia un commento