Letteratura e Narrativa

Pubblicato: 21 luglio, 2017 | by Andrea Camporese

0

Grande Seno, Fianchi Larghi di Mo Yan

Mo Yan (pseudonimo di Guan Moye, classe 1955), firma nel 1996 Grande Seno, Fianchi Larghi, epico spaccato della cultura cinese.

Grande seno, fianchi larghi: la trama

Shangguan Lu, dopo aver partorito sette figlie femmine, riesce finalmente ad avere l’agognato maschio, in grado di perpetrare la stirpe. Fabbri da generazioni, gli Shangguan vivono in un villaggio rurale della zona di Gaomi, nella provincia orientale dello Shandong (dove per altro è nato lo stesso Mo Yan); a seguito dell’uccisione degli uomini della famiglia da parte degli invasori giapponesi, la giovane madre si ritrova a dover crescere da sola il nuovo nato e le sorelline.

grande seno fianchi larghi retro

È Jintong, il Bambino d’oro, l’io narrante del romanzo; frutto in realtà dell’amore adulterino con il prete occidentale Ma Luoya, è il figlio prediletto e viziatissimo, allattato fin quasi all’adolescenza, che fa del seno l’icona feticistica di tutta la sua vita. Icona che cercherà, crescendo, nelle altre donne, a partire dalle sorelle, di cui segue da vicino i destini quanto mai diversi.

Ciascuna di loro si legherà infatti a uomini spesso all’opposto per aspirazioni e carattere: proprietari terrieri e banditi patrioti, esponenti del Partito nazionalista e militanti del neonato Partito Comunista, occidentali venuti a sostenere una delle fazioni in lotta e bizzarre e macchiettistiche figure. La parabola di ciascun personaggio si salda alla storia travagliata della Cina, dai tardi anni Trenta del conflitto sino-giapponese alle carneficine della guerra civile, fino all’avvento dell’era maoista e al suo superamento nell’ultimo ventennio del secolo appena trascorso. Jintong, su cui si concentrano le aspettative della madre e delle sorelle, da studente modello si ritrova manovale in una comune agricola, detenuto in un campo di lavoro, danaroso imprenditore e vagabondo perdigiorno, facile preda di voraci personalità femminili.

Nessuno meglio di Mo Yan sa rendere l’anima senza tempo della civiltà e della cultura cinesi, attraverso le sue mille evoluzioni e sfaccettature.

Condividi:
Grande Seno, Fianchi Larghi di Mo Yan Andrea Camporese

Recensione

Voto LibriPdf:

5


Voto Utenti:: 4.7 (1 voti)

Tags: ,


La recensione è stata curata da:

Andrea Camporese

Ingegnere nell’ambito dell’energia, fonti rinnovabili, recuperi energetici, efficienza, con la passione per la lettura.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑