Piano nobile di Simonetta Agnello Hornby

Condividi:

Articolo aggiornato giorno 23 Maggio 2024

Piano nobile è un libro scritto da Simonetta Agnello Hornby, edito da Feltrinelli e pubblicato il 15 ottobre 2020.

Piano nobile di Simonetta Agnello Hornby è il secondo capitolo che segue la trilogia della saga di Caffè amaro. Una maestosa trilogia dal sapore siciliano. Questo secondo episodio inizia dall’estate 1942 in cui è in atto la II guerra mondiale fino alla metà degli anni cinquanta. La storia di una famiglia siciliana nobile, i cui componenti sono della discendenza baronale Sorci, che vede finire un mondo e nascerne uno nuovo.

Piano nobile: la recensione

piano nobile pdf copertina


Piano nobile di Simonetta Agnello Hornby
è ambientato in Sicilia, a Palermo estate 1942. I soldati italiani stanno combattendo una guerra mondiale che non riusciranno a vincere. Enrico Sorci il barone si trova sul letto di morte.

Sorci, “fimminaro generoso” rievoca la storia della sua famiglia, i torti che ha compiuto, le donne che ha amato, tradito ed usato per puro piacere. Il cameriere personale del barone Elio, le legge le prime pagine dei quotidiani, e lo sguardo del barone vola ai ricordi lontani.

Sorci vendono la carta da parati à ramages cordinati alle tende dei balconi ricorda la provenienza dalla ditta Liberty di Londra. La camera da letto era il regno della defunta moglie Rosaria, donna docile e sottomessa, non considerata in vita dal barone poiché distratto dalle grazie di altre donne, poi rimpianta dopo la morte.

La moglie Rosaria Lupino Stassi, morì ventidue anni prima, all’età di settant’anni, che aveva portato come dote i beni dello zio ed aveva dato alla luce otto figli del barone. Quattro maschi (Cola, Ludovico, Filippo, Andrea) e quattro femmine (Maria Teresa, Anna, Lia e Mariangela morta alla nascita). Sorci non ha mai amato la moglie Rosaria. Si era sposato in età giovane è proprio per questo era distratto da altri piaceri femminili.

Solo dopo la morte della moglie il barone ripensa a lei “il tuo valore è emerso come una statua perfettamente conservata dal fondo del mare, rivelando la sua bellezza”, adesso aveva compreso il valore del perdono ma era troppo tardi. Ricorda ogni nome di ogni singola donna che ha avuto. Estrella la prostituta, dame dell’aristocrazia, le giovani cameriere che serve del Palazzo Sorci che lui chiamava “fimmine”: Lucrezia e Annetta Panzi da cui ebbe una figlia illegittima di nome Stellina.

Piano nobile di Simonetta Agnello Hornby. Un romanzo a più voci come in un concerto in cui i personaggi principali del capitolo danno la loro personale versione dei fatti attraverso memorie, testimonianze che sottolineano l’animo umano fatto di gelosie, vendette, ripicche e passioni.

Nella copertina del romanzo c’è ritratta l’immagine della nonna materna della scrittrice (Maria Caramazza), il dipinto fatto dal pittore Francesco Camarda (Palermo 1886 – 1962), la cui frase è presente nel libro: “esprime la sua effettiva intesa capacità di carpire l’animo di chi ritrae”.

Giovanni

Condividi:

1 commento su “Piano nobile di Simonetta Agnello Hornby”

Lascia un commento