Monet di Gerard Georges Lemaire

Condividi:

Articolo aggiornato giorno 15 Giugno 2024

Monet di Gerard Georges Lemaire è una guida al pittore impressionista pubblicata da Giunti nella collana Dossier d’art nel 2007.

Monet: la recensione

monet pdf copertina


Monet
di Gerard Georges Lemaire piacerà a tutti coloro che amano gli Impressionisti e le loro opere, essendo una guida veloce ed allo stesso tempo competa sulla vita e le opere di Claude Monet. La guida ha innanzitutto un ampio inserto iconografico a colori, per seguire l’evolversi della pittura di Monet attraverso i suoi quadri.

La guida racconta la vita di Monet, inizialmente dedito alle caricature e solo in seguito pittore di paesaggi ed esponente di quello che, spregiativamente venne chiamato “Impressionismo” da chi non comprendeva l’arte di questo nuovo gruppo di pittori.

Monet di Gerard Georges Lemaire narra la vicenda umana e pittorica di Monet, attraverso anche l’influenza di un altro impressionista dal cognome simile al suo, Edouard Manet. Dai quadri proposti nella guida s’intuisce chiaramente come Monet fosse sotto l’influenza dell’altro pittore, tanto che diverse tele dell’uno quasi si confondono con quelle dell’altro: stessi soggetti, stesse pose, stessi colori, qui Monet non ha ancora trovato una sua propria “voce”.

La troverà nel corso di molti viaggi, stabilendosi infine con la famiglia ad Argenteuil, dove dipingerà vedute, paesaggi, ed inizierà ad interessarsi alla natura.
In questo libro la parte più bella è proprio questa, quella del giardino a Giverny, celebre per il ponticello, le piante, lo stagno e soprattutto ciò che, come i girasoli per Van Gogh, fa riconoscere ed identificare subito Monet, ovvero le ninfee.
S

Saranno proprio le ninfee a caratterizzare, nella sua vecchiaia, lo stile e le opere di Claude Monet, ninfee che dipinge in molti modi, a cui dedica tutta la sua energia perché ciò che dipinge, in verità, è ciò che lui stesso ha creato nel suo magico giardino a Giverny. Le ninfee saranno anche un quadro gigantesco, completato quando l’artista ormai è quasi cieco, riproposto nella guida perché forse più di ogni altra opera caratterizza Monet, che non ha abbandonato le sue composizioni dei fiori galleggianti neppure quando la vista via via si stava indebolendo.
Una guida per chi ama Monet o gli Impressionisti in generale, per capire meglio questo artista e i suoi lavori, grazie alle descrizioni testuali e alle magnifiche riproduzioni che si possono trovare fra le pagine.

A fine guida un quadro cronologico sulla vita di Monet e parallelamente sugli avvenimenti storici e artistici del suo tempo.

Giovanni

Condividi:

Lascia un commento