Horror

Pubblicato: 16 maggio, 2014 | by Lara Zavatteri

Il miglio verde

Un uomo enorme, gigantesco, che ispira subito paura ma che in realtà fa solo del bene, anche se non lo comprende quasi nessuno. In sintesi è questa la trama del libro del maestro dell’horror Stephen King, da cui è stato tratto il famoso film con protagonista Tom Hanks.

Il miglio verde del libro è quella zona di un penitenziario in America, negli anni Trenta, in cui si trovano i detenuti in attesa di essere giustiziati sulla sedia elettrica. Per la precisione, il miglio verde è quella parte che separa le loro celle dalla “vecchia scintillante”, come viene chiamata la sedia elettrica. Nel braccio della morte arriva ad un certo punto John, un omone nero che sembra un gigante, accusato di aver ucciso due bambine. Eppure il suo comportamento e la sua gentilezza sembrano smentire la possibilità che l’uomo possa aver fatto del male.

Le guardie iniziano a notare fatti strani dopo l’arrivo del detenuto. John, che ha la mentalità semplice e pura di un bambino, è capace di ridare la vita. Se ne accorgono dopo che un topolino, amico fedele di uno dei prigionieri, è stato schiacciato per cattiveria da una delle guardie. John riesce ad espellere dal corpo dell’animaletto la morte, sotto forma di insetti neri che sputa fuori dalla bocca, prima che il topolino si rimetta a correre come nulla fosse. In quello stesso periodo la moglie del capo del penitenziario è gravemente malata: un tumore nel cervello la rende irriconoscibile e la donna è ormai sull’orlo del baratro. Rischiando il tutto per tutto le guardie lo portano a casa della donna e il miracolo avviene, ma stavolta John non sputa fuori gli insetti.

Tornati in cella, John, accusato ingiustamente dell’omicidio delle bambine (ormai anche le guardie l’hanno compreso) trova il modo di fare giustizia, ma ugualmente verrà mandato sulla sedia elettrica, lasciando però in eredità alla guardia che gli è stata più vicina un regalo immenso: una vita lunga, lunghissima, tanto che decenni dopo è la stessa guardia a raccontare l’incredibile storia di cui fu protagonista e spettatore incredulo.

Condividi:
Il miglio verde Lara Zavatteri

Recensione

Voto LibriPdf:

5


Voto Utenti:: 0 (0 voti)

Tags: ,


La recensione è stata curata da:

Lara Zavatteri

Sono una ragazza trentina, giornalista pubblicista, blogger e scrittrice



Back to Top ↑